Home / Articoli / Incontri e workshop / Spettacolo Aperto 2018

Spettacolo Aperto 2018

Cagliari, fino al 6 dicembre 2018 
Proseguono gli appuntamenti dell’edizione 2018 di “Spettacolo Aperto”, il festival di musica per coro (e non solo) dell’Associazione Studium Canticum: Mercoledi 21 novembre e Venerdi 23 a Cagliari gli appuntamenti dedicati alle “canzoni”, dai Beatles a Freddie Mercury passando per Cindy Lauper. Fine settimana dedicato alla tradizione e al futuro nelle voci dei più giovani

L’edizione 2018 di Spettacolo Aperto, il festival di musiche per coro che si svolge a Cagliari dal 17 novembre al 6 dicembre, è dedicato ad una parola. Semplice e difficilissima: ascolto.
L’attualità e il valore di questa pratica, più che mai necessaria oggi, sono quest’anno declinati dall’Associazione Studium Canticum in un ricco programma che, come di consueto, comprende molti appuntamenti diversi tra loro che offrono a tutti, dai fedelissimi di musica antica agli appassionati di “canzoni”, passando per la musica popolare e il teatro in musica, l’opportunità, appunto, di ascoltare e ascoltarsi, e quasi sempre riconoscersi.

Dopo l’apertura con l’affollato flashmob di massa in Piazza Garibaldi di sabato 17 novembre, il festival continua con un ricco programma che si dipana in quattro appuntamenti, tutti a ingresso libero, che soddisfano i gusti e la curiosità di tutti gli appassionati: 

Si comincia in settimana – mercoledi 21 novembre – per un altro, diverso modo di amare e conoscere il canto e la musica: sarà il May Mask di via Giardini, infatti, a ospitare, alle ore 20, Perché Let it be suona così?, la Conferenza/concerto di smontaggio e rimontaggio canzoni con Emilio Capalbo e il coro Chorus fabbrica. Una proposta di ascolto oltre il ‘fronte’ della melodia, nel ‘retropalco’: concatenazioni degli accordi, giri armonici, trucchi del mestiere del vasto mondo delle ‘canzoni’. Qualche esempio da “smontare e rimontare”: Beverly Ross e Julius Dixon – Lollipop, John Phillips – California dreamin’, George Merrill a Shannon Rubicam- I wanna dance with somebody, John Lennon e Paul McCartney, Let it be. 

Un repertorio variegato che poi riascolteremo il venerdi successivo, 23 novembre, agli Intrepidi Monelli di Viale Sant’Avendrace 100 (ore 20.00). Lo spettacolo Let it be e altre canzoni attraversa la musica dagli anni ‘30/’40 con il repertorio in stile close harmony del Triomatic Swing Vocal Trio allo zibaldone di evergreen (dai Beatles a Whitney Houston ai Queen) dell’ensemble femminile Chorus fabbrica, diretti da Stefania Pineider.

Nel fine settimana del 24 e 25 novembre, invece, l’attenzione è tutta puntata alla tradizione e al futuro: 

Sabato 24 novembre 2018
, nella Chiesa di S. Maria (Cagliari), alle ore 20.30 L’incredibile maestria sonora delle giovanissime e dei giovanissimi di Juvenes  Cantores (Corato), dirette da Luigi Leo, in cui freschezza e professionalità producono un mix esplosivo, che come una corrente attraversa la musica di sei secoli, da Palestrina ad oggi. Perchè la musica classica è una roba da giovani!
Domenica 25 novembre, nella Chiesa di S. Sebastiano, Cagliari, Luigi Leo e Stefania Pineider dirigono le Scuole in Coro, la 4 A della scuola elementare di Via Toti, con la maestra Vincenza Aroffu, e le voci giovanili del Juvenes Cantores in Can you hear me?

Una richiesta di attenzione e vicinanza, questo brano di Bob Chilcott, che fa dialogare udenti e non udenti.  Puoi sentirmi? una domanda che richiama il concetto stesso del festival di quest’anno, l’ascolto, e la potentissima funzione di coesione e partecipazione della musica.  I direttori faranno qualche esempio al microscopio: togliere una voce, metterne un’altra, andare all’unisono, ascoltare il ritmo di un gruppo mentre si canta la propria melodia, aggiustarsi, far posto al suono degli altri: allenamenti utili anche per la vita di tutti i giorni.  
 Il programma completo è consultabile su www.studiumcanticum.it

Info
associazione@studiumcanticum.it – www.studiumcanticum.it 
338 9403280 

Ufficio Stampa – Francesca Madrigali
cell. 3401574372
email: madrigali.f@gmail.com

Listen Unica Radio on Spotify

About Andrea Congia

Andrea Congia
Nasce a Cagliari nel 1977. Laureato in Filosofia. Chitarrista, autore e interprete nelle formazioni musicali sperimentali Nigro Minstrel, Mascherada, Antagonista Quintet, Crais Trio, Baska, Hellequin, Orchestrina dei Miracoli, Gastropod, Skull Cowboys, Death Electronics, Fàulas. Da anni prosegue sulla strada della coniugazione tra Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali sardi in particolar modo attraverso la direzione artistica della Rassegna di Spettacolo, dedicata alla Letteratura Sarda, Significante. Nel 2015 fonda l’Associazione Culturale Tra Parola e Musica - Casa di Suoni e Racconti di cui coordina le attività e i progetti.

Controlla anche

Nuovi incontri in programma al May Mask

Nuovi incontri previsti per il mese di marzo nel programma dell’associazione culturale May Mask. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.