Home / Articoli / Interviste / Intervista ad Angelo Conto dei DinDùn: impressioni post Premio Parodi
Listen Unica Radio on Spotify

Intervista ad Angelo Conto dei DinDùn: impressioni post Premio Parodi

Angelo Conto – membro del gruppo DinDùn, in gara al premio Andrea Parodi 2018, per la sua undicesima edizione – è stato raggiunto telefonicamente dai nostri microfoni e con lui abbiamo discusso del dopo Premio.

I DinDùn sono un gruppo piemontese che nasce nel 2012 e che ha debuttato alla 18ma edizione del Festival Internazionale Europa Cantat. Propongono una musica a metà strada tra le sonorità tradizionali e quelle più attuali, in un connubio perfetto tra melodie antiche e sperimentazioni contemporanee.

Il trio, composto da Alessandra Patrucco (voce), Angelo Conto (pianoforte) e Francesco Busso (ghironda) ha partecipato alla competizione portando il brano l’Amur, cantando l’amore in piemontese.

Un sound dolce e insieme deciso per cantare di un sentimento che fino ad ora non avevano avuto il coraggio di raccontare, come ha sottolineato la Patrucco poco dopo l’esibizione.

Quelle trascorse a Cagliari, in occasione del Premio, sono state giornate molto intense per il gruppo che ha risentito della competizione vivendo una leggera tensione, cosa che però ha reso il progetto che li ha coinvolti ancora più stimolante ai loro occhi.

I DinDùn hanno suonato, tra l’altro, anche ad altri importanti eventi musicali quali il Folk Club di Torino, il Festival Premio Nazionale Musica Popolare di Loano o, ancora, per il Festival AlpsKlang, Jazz on Alps, Trama Festival ecc..

Nei piani futuri c’è senz’altro quello di continuare a lavorare ai progetti che stavano già avviando, proseguendo nella preparazione del loro secondo disco, che questa volta vedrà la partecipazione di Francesco alla ghironda, il quale è una new entry tra i DinDùn. Inoltre, il nuovo lavoro porta con sé le esperienze e le sensibilità recentemente maturate dagli originari membri del gruppo, sebbene il loro suono possa dirsi già definito. La sperimentazione è comunque parte del loro mestiere di musicisti e costituisce una sfida con cui non mancano di confrontarsi.

Intervista ad Angelo Conto dei DinDùn: impressioni post Premio Parodi

 
 
00:00 / 5.59
 
1X

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Intervista ai Kutso – “Vorrei un bazooka per abbattere gli aerei”

I Kutso presentano “Che effetto fa”, il nuovo album di inediti di una delle band …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.