Home / Articoli / Altro / Il Cammino di San Saturnino in Europa
Listen Unica Radio on Spotify

Il Cammino di San Saturnino in Europa

Dopo il successo dell’edizione 2018 il Cammino sbarca in Europa

Un migliaio di partecipanti, da Cagliari, in autobus e a piedi lungo otto Comuni della provincia, compreso Isili, fino alla meta: Ussana. Nel giorno dei festeggiamenti in onore di San Saturnino, patrono del capoluogo sardo e di Isili, ogni tappa è stata una festa, dove fedeli e pellegrini, accolti dagli amministratori locali, hanno potuto degustare i prodotti tipici del territorio: dai dolci della tradizione di Ussana all’olio di Escolca, fino al pane di Mandas, cotto nel forno a legna. E ancora vini e formaggi, oltre ai genuini prodotti della Terra a chilometro zero, in mostra negli stand allestiti da Donne Impresa Coldiretti Sardegna.

Fra devozione,storia, cultura ed enogastronomia, si è conclusa con successo, il 30 ottobre scorso, l’ultima tappa dell’edizione 2018 del Cammino di San Saturnino: ma il progetto di promozione turistica, che affonda le sue radici nell’evento religioso dedicato al martire cristiano per esportare oltre Tirreno le tradizioni dell’Isola, è pronto a ripartire. Curato dall’associazione pedagogica socio culturale di Cagliari Athanatos, l’evento si prepara a sbarcare in Europa, dopo essere approdato quest’anno a Milano e Roma.
Afferma il presidente dell’associazione, Daniela Noli che è stato un successo insperato, soprattutto per l’adesione al progetto di altri numerosi Comuni, anche della Penisola. 

Dal capoluogo sardo, dove la mattina del 30 ottobre hanno avuto inizio le celebrazioni, fino alla sera, lungo il percorso che si è snodato fra Mandas, Siurgus Donigala, Serri, Escolca, Gergei, Isili e Ussana. Con lo sguardo fiero delle donne sarde e le mani forti di chi coltiva la terra, sono state le donne imprenditrici di Coldiretti Sardegna a portare in spalla, lungo il Cammino, una copia della statua di San Saturnino ricostruita fedelmente dai ricercatori del Crs4 di Cagliari (servizio Innovazione e trasferimento tecnologico Sardegna ricerche) attraverso l’impiego di tecnologie laser scanner che hanno dato la possibilità agli organizzatori di preservare la statua originale.

Prima della partenza, alle 9, i festeggiamenti nella cattedrale di Santa Maria hanno precedutola benedizione dello stendardo di San Saturnino e la liturgia delle reliquie, con la lettura della Passio a cura dell’attrice teatrale Rita Atzeri. Le celebrazioni sono poi proseguite con l’esibizione del coro polifonico Cantores Mundi diretto da Boris Smocovich. Gli onori militari, con il picchetto interforze, hanno dato inizio alla processione lungo il centro della città, con un corteo storico che si è snodato per le vie dei quartieri cagliaritani Castello e Villanova. Alle 10.30, nella Basilica di San Saturnino, la Santa Messa officiata dall’ Arcivescovo Monsignor Arrigo Miglio ha suggellato le celebrazioni religiose arricchite dall’esibizione del coro Studium Canticum diretto da Stefania Pineider.

Il generale Giovanni Domenico Pintus (Comando militare Esercito Sardegna) spiega che si tratta di un’iniziativa che si inserisce in un panorama culturale che potrà crescere maggiormente ed essere oggetto di nuovi spunti e riflessioni ancora più profonde. Fra i sostenitori del Progetto di promozione turistica che vede in prima linea non solo l’Esercito, ma anche la Marina Militare, il Comando Compagnia Carabinieri Cagliari, la Guardia di Finanza, l’Aeronautica militare, A.n.a. Sezione Sardegna, A.n.c. Cagliari e la Caritas diocesana di Cagliari. Oltre a Coldiretti Sardegna, Donne Impresa Coldiretti Sardegna, Polo museale della Sardegna, e numerose associazioni fra le quali Charming accomodation, B&B Cagliari, Karalis Pink team e I Cavalieri dell’Antica locanda.

Dalle origini al futuro, partendo dai dieci chilometri dell’antico cammino – fra Isili, Gergei e gli altri piccoli centri della provincia di Cagliari legati al Santo – l’anno prossimo il Cammino raggiungerà nuove mete regionali e della Penisola, intercettando altri cammini religiosi come quello di san Benedetto da Norcia che si ricollega alla Via Francigena del Sud, nel Lazio, ma approderà anche in Spagna.

L’idea di promuovere l’antico cammino del martire cristiano nasce nel 2017, su input del sindaco di Isili Luca Pilia e con il coinvolgimento delle Diocesi di Cagliari e Oristano. Spiega Daniela Noli che l’intento è quello di rafforzare la promozione dell’Isola attraverso lo sviluppo di iniziative interregionali finalizzate alla valorizzazione dell’offerta turistica in ambito religioso spiega Daniela Noli. Tutto ciò si farà esaltando inoltre percorsi, luoghi e paesi meno conosciuti nella Penisola e mettendo naturalmente in vetrina le eccellenze dei territori.

A cominciare dai prodotti enogastronomici , il tesoro nel tesoro della Sardegna promosso negli stand Coldiretti Sardegna e Donne impresa Coldiretti Sardegna. L’obiettivo secondo Noli è creare un brand che dia nuove opportunità di lavoro soprattutto ai giovani, anche quelli che hanno dovuto lasciare la Sardegna per studiare o lavorare altrove, ma che potrebbero tornare nella loro Terra per aiutare la loro Terra a crescere.

Ma chi era San Saturnino? L’anno scorso è stata l’archeologa Rossana Martorelli (docente di Archeologia cristiana e medievale all’Università di Cagliari) a indagarne la vita. Un santo “cagliaritano”,decapitato il 304 d. C., quando aveva 19 anni, per essersi rifiutato di abiurare alla fede cristiana: lo svela uno dei massimi studiosi del martire cristiano, il salesiano don Giorgio Mameli, nel suo saggio Saturnino civis Karalitanus. San Saturnino anche l’anno prossimo continuerà ad esportare la Sardegna con le sue tradizioni, comprese quelle di Cagliari e dei paesi sardi per ora coinvolti: Isili, Gergei, Mandas, Siurgus Donigala, Escolca, Serri,Ussana.

L’intervento dell’assessore regionale al Turismo, Barbara Argiolas, al convegno del 12 ottobre a Milano ha specificato che il cammino di san Saturnino si inserisce nella progettualità regionale dei cammini religiosi. Per questo è un momento molto importante, perché attraverso i cammini religiosi si riesce a far vivere quelle che sono le comunità sarde e far rincontrare viaggiatori e cittadini, in una simbiosi non soltanto religiosa ma soprattutto culturale. La Regione Sardegna sta investendo imponenti risorse su questo tipo di progettualità perchè si ha la necessità di lavorare su segmenti di turismo ed esperienza che non siano soltanto legati alla stagione balneare, ma anche al nostro patrimonio culturale. In questo senso il cammino di san Saturnino sta crescendo di anno in anno e può rappresentare per alcuni territori un’importante occasione di sviluppo.

Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e Moda, nel suo intervento al convegno Il Cammino di San Saturnino alla luce dei percorsi storici racconta che da sempre il turismo religioso, con i suoi percorsi, unisce luoghi e popoli ed è un volano fondamentale per la promozione di piccoli luoghi e borghi,chiese, santuari e basiliche. E’ un progetto che unisce idealmente la Sardegna anche alla Lombardia. Inoltre ha aggiunto l’assessore regionale che ha un grande potenziale di attrattività per il turismo religioso. Per questo Regione Lombardia sostiene gli operatori e le imprese turistiche: al fine di stimolare lo sviluppo di iniziative volte alla promozione di pacchetti turistici esperienziali per un flusso in coming.

In conclusione Lara Magoni ha dichiarato che in una prospettiva di continuità è fondamentale stimolare la creazione di filiere legate al tema del turismo religioso attraverso l’aggregazione di imprese e soggetti pubblici e privati. Per questo credo fermamente nello sviluppo di iniziative interregionali finalizzate alla valorizzazione dell’offerta turistica in ambito religioso, esaltando percorsi,itinerari, luoghi di forte valenza storica e di rilievo nazionale. Giovanni Cervo, presidente del centro sociale culturale sardo insiste sulla promozione di questo cammino dato che si è fatto lo stesso per quello di San Giorgio. Fra gli obiettivi, in qualità di uno dei 70 circoli sardi in Italia confederati Fasi, c’è proprio quello di far conoscere la Sardegna, soprattutto nei periodi di cosiddetta bassa stagione, indirizzando i turisti verso i centri più piccoli, dove le tradizioni sono molto forti, ma spesso poco conosciute.

Riferendosi al Cammino di san Saturnino Cervo ha sottolineato l’importanza della divulgazione del coinvolgimento di altre realtà extra territoriali: dare il via al passa parola, probabilmente il sistema più semplice e diffuso per trasmettere le informazioni. Anche se ha sottolineato il fatto che i sardi e la debbano imparare ad aprire gli orizzonti. La Sardegna è considerata un forziere chiuso  in tanti sostengono che i sardi siano seduti su di esso che non riescono però ad aprire, affinché tutti possano conoscere e apprezzare le splendide ricchezze e risorse che contiene.I costi spesso insostenibili dei trasporti, troppo onerosi per chi vorrebbe trascorrere almeno un fine settimana.

Mentre Luca Saba direttore Coldiretti Sardegna ha spiegato a Milano che si tratta di un progetto che fa rete, promuovendo il legame fra cibo,territori, turismo religioso e tradizioni popolari. Non a caso è mosso dalla passione e la caparbietà di una donna ,Daniela Noli, curatrice del progetto: una donna sarda che ha voluto coinvolgere altre donne con lo straordinario lavoro di promozione dei prodotti isolani delle Donne impresa Coldiretti Sardegna. Saba ha concluso dicendo che a Milano hanno portato anche l’anima delle donne sarde, non solo i prodotti genuini del territorio. Gina Ledda che fa parte del collettivo Donne impresa Coldiretti Sardegna aggiunge che hanno deciso convintamente di collaborare al progetto di san Saturnino perché è un’occasione importante di promozione per la nostra Isola che ci permette di esportare e far conoscere i prodotti sardi nella Penisola

About Eleonora Pisano

Eleonora Pisano
Sono una studentessa di beni culturali e spettacolo,appassionata di cinema,arte,musica e teatro. Vivo a Cagliari da un anno e mezzo e adoro scrivere e leggere: mi definisco "una discepola del Vate".

Controlla anche

Il Ministro Savona a Cagliari: “L’Europa deve cambiare”

Il Ministro per gli Affari Europei è intervenuto sui temi attuali principali dell’UE In conclusione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.