Home / Articoli / Arte e mostre / Marmilla: nuraghi e castelli nelle terre del grano

Marmilla: nuraghi e castelli nelle terre del grano

Il racconto di un territorio della marmilla dalle infinite risorse paesaggistiche, culturali e archeologiche, attorno a un elemento centrale della sua storia.

La mostra Marmilla. Nuraghi e castelli nelle terre del grano, organizzata e promossa dalla Fondazione Barumini Sistema Cultura e dai Comuni marmillesi di Barumini, Las Plassas, Sanluri, Villanovaforru e Villanovafranca, accompagnerà il pubblico, da venerdì 14 settembre, giornata inaugurale, sino alla fine del prossimo gennaio, alla scoperta e alla fruizione consapevole dei beni preservati nei musei e nei siti archeologici delle cinque amministrazioni locali coinvolte.

L’esposizione dei preziosi reperti è allestita nel centro culturale ‘Giovanni Lilliu’ di Barumini in collaborazione e col sostegno della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna, del Polo museale della Sardegna e del Museo archeologico di Cagliari, dal quale, tra gli altri reperti, arriva (anzi, ‘torna a casa’) la statuina nuragica bronzea di offerente, rinvenuta a Su Nuraxi.

MARMILLA, PAESAGGIO DEL GRANO. Le dolci e fertili colline della Marmilla formano un suggestivo paesaggio che ha caratterizzato società ed economia dei popoli che le hanno abitate dall’età nuragica al periodo giudicale e che rappresenta il tema centrale della mostra. La coltivazione del grano è sempre stata, per le civiltà che qui si sono alternate, l’attività peculiare e principale e le sue tracce, fin dai tempi remoti, sono innumerevoli e costanti: nonostante lo scorrere dei secoli, le caratteristiche delle colline marmillesi sono rimaste quasi immutate. A controllo e difesa di questo paesaggio, simboli di prestigio e potere politico ed economico, si sono alternati nuraghi e castelli: Nuraxi’e Cresia e Su Nuraxi di Barumini, nuraghe Genna Maria di Villanovaforru, nuraghe Su Mulinu di Villanovafranca, Castello di Marmilla a Las Plassas e Castello di Sanluri.

ALLESTIMENTO E PERCORSO ESPOSITIVO. La mostra, articolata in sezioni, dall’età nuragica all’epoca giudicale, esporrà reperti originali, messi a disposizione dai rispettivi musei, e riproduzioni scenografiche a grande impatto visivo, testimonianza diretta delle attività agricole nell’arco della storia della Marmilla. I percorsi espositivi saranno ‘di facile lettura’ grazie a strumenti e scenografie che ‘decodificano’ i segni scientifici, nell’ottica di una fruizione ‘leggera’ e gradevole dei contenuti, adeguata alle esigenze di tutti gli utenti, da più giovani agli adulti. La dimensione scientifica sarà accompagnata da una dimensione narrativa e divulgativa, anche grazie a tecnologie multimediali. L’esposizione funzionerà da vetrina e da rimando per tutti i musei e le aree archeologiche coinvolte e promosse. Alla mostra saranno affiancati laboratori, progetti rivolti ai ragazzi delle scuole, conferenze, animazioni varie, per accrescere la conoscenza di un territorio ricchissimo di risorse culturali.

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Progetto Carpe Diem, Spazi di Memoria

Tornano i progetti Carpe Diem nella residenza Spazi di Memoria, con uno spettacolo aperto al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.