Home / Articoli / Interviste / Intervista a Antonello Salis e Sandro Satta: “Se abbiamo una scaletta? Noi suoniamo in ascensore!”
mde

Intervista a Antonello Salis e Sandro Satta: “Se abbiamo una scaletta? Noi suoniamo in ascensore!”

Abbiamo incontrato e intervistato i musicisti Antonello Salis e Sandro Satta, protagonisti del progetto Identità Nuragiche, organizzato dalla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz

Nella suggestiva cornice del complesso di Romanzesu a Bitti per Identità Nuragiche è avvenuto l’incontro tra il fisarmonicista Antonello Salis e il sassofonista Sandro Satta, due tra i musicisti sardi più rilevanti nella storia musicale isolana, il cui solido e collaudato sodalizio musicale dura da più di trent’anni. Figura di primo piano nel panorama jazzistico europeo e da decenni punta di diamante del jazz italiano (è stato uno dei membri dei Cadmo, tra i gruppi più originali degli anni settanta, in grado di miscelare progressive, rock, free jazz e musica tradizionale sarda), Antonello Salis è un assoluto innovatore e improvvisatore alla costante ricerca di nuove sonorità e accostamenti cromatici. Al suo attivo vanta collaborazioni con alcuni tra i musicisti più importanti della scena internazionale tra i quali Lester Bowie, Don Cherry, Don Pullen, Pat Metheny, Nana Vasconcelos, Han Bennink, Enrico Rava, Stefano Bollani e Paolo Fresu. Sandro  Satta è un musicista solido e creativo, lirico e dal grande fraseggio, che fa dell’improvvisazione la sua caratteristica predominante, spingendosi sovente a suonare un jazz d’avanguardia e di ricerca. Tra le svariate collaborazioni, vanta quelle con Don Cherry, Don Moye, Lester Bowie, Don Pullen, Billy Cobham e Gary Bartz, tra gli altri.

ASCOLTA L’INTERVISTA

sdr

Intervista a Antonello Salis e Sandro Satta: “Se abbiamo una scaletta? Noi suoniamo in ascensore!”

 
 
00:00 / 14:33
 
1X
 

About Simone Cavagnino

Simone Cavagnino
Giornalista, autore, conduttore televisivo e radiofonico. Dopo la maturità scientifica, compie studi giuridici e si occupa di giornalismo musicale. Ha collaborato con l'emittente televisiva Infochannel Tv Sardinia, con i magazine JAZZIT e LOLLOVE MAG. Ha curato il documentario "La memoria del suono" dedicato alla figura dell'artista sardo Pinuccio Sciola. Dal 2014 è direttore responsabile di Unica Radio e contestualmente svolge attività di ufficio stampa per artisti, festival, rassegne e singoli eventi. E' del giugno 2018 il suo primo libro dal titolo "Sardegna, Jazz e dintorni" edito da Aipsa Edizioni, scritto in collaborazione con il giornalista Claudio Loi. Info: simone.cavagnino@unicaradio.it

Controlla anche

Con Edoardo Demontis parliamo della V edizione di Sa Ruga

Oggi insieme a Edoardo Demontis parliamo della quinta edizione di Sa Ruga, a Cagliari dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.