Home / Articoli / Università e Ricerca / Gestione rifiuti navali e portuali, al via il progetto europeo Impatti-No
Unica Radio App

Gestione rifiuti navali e portuali, al via il progetto europeo Impatti-No

Incarico di pregio per l’Università di Cagliari, capofila con gli specialisti guidati da Paolo Fadda e Gianfranco Fancello. Crescita sostenibile, smaltimento dei reflui e strategie di economia circolare nei porti dettate dall’Unione Europea e dalle Nazioni Unite al centro degli studi dei ricercatori. Trentasei mesi di ricerche con un budget di circa due milioni di euro

Si sta sviluppando in questi giorni a Bastia (Corsica) la prima fase del progetto Impatti-No (Impianti portuali transfrontalieri di gestione dei rifiuti navali e portuali). Ospitati dalla Camera di commercio locale, i lavori – ieri, martedì 3 luglio, presentazione alle autorità e ai media – hanno per capofila l’Università di Cagliari con il Cirem (Centro interuniversitario ricerche economiche e mobilità delle Università di Cagliari e Sassari) nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg Italia-Francia Marittimo 2014/20.

PARTNER E OBIETTIVI. Impatti-No intende contribuire alla realizzazione della strategia dell’Unione Europea, in materia di economia circolare, e delle Nazioni Unite sul fronte degli «Obiettivi di sviluppo sostenibile». Oltre alle attività che saranno realizzate nell’ambito del progetto, i partner potranno capitalizzare le opportunità e i processi già attivati in ambito europeo con le iniziative promosse con i programmi Cte, Life e Cef.E. I partner del progetto guidato dagli specialisti coordinati da Paolo Fadda e Gianfranco Fancello (coordinatore e responsabile scientifico, docenti dell’ateneo di Cagliari, CentraLabs), sono le Camere di commercio di Bastia e dell’Alta Corsica, di Var e della Maremma e del Tirreno, Centralabs (laboratori di ingegneria trasporti e mobilità, Cittadella universitaria di Monserrato), le Autorità portuali del mar Tirreno settentrionale, del mar Ligure occidentale e orientale.

SPRECO UGUALE RISORSA. Il progetto, che avrà una durata di 36 mesi e un budget complessivo di 1.992.283,99 euro, punta a migliorare la gestione dei rifiuti prodotti nei porti grazie all’attuazione di piani d’aziona pilota per lo smaltimento dei rifiuti e delle acque reflue. «I porti dovranno ispirarsi a un modello di economia circolare. In questo senso – spiega il professor Fadda – l’approccio di Impatti-No deve considerare lo “spreco” come una risorsa che permane nel sistema economico, riutilizzata in nuovi contesti: La valorizzazione economica dei rifiuti, i materiali trattati e reinseriti sul mercato come nuovo prodotto». Impatti-No punta alla crescita sostenibile attraverso la promozione di forme congiunte di raccolta e di trasformazione dei rifiuti nei porti. I temi chiave sono: 1) Identificare le migliori tecnologie di trattamento dei rifiuti e delle acque reflue nelle aree portuali; 2) sviluppare nuove opportunità economiche derivanti dal trattamento dei rifiuti; 3) aumentare lo scambio di informazioni sul trattamento dei rifiuti attraverso la creazione di una rete di porti. «Le attività saranno svolte congiuntamente con i partner diretti del progetto e l’associazione di organizzazioni, comunità e strutture responsabili di problemi identici. In sintesi – aggiunge il professor Fancello – il progetto punta alla crescita sostenibile attraverso la promozione di forme congiunte di raccolta e trasformazione dei rifiuti nei porti».

Listen Unica Radio on Spotify

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Università di Cagliari a Tunisi per la tutela della biodiversità

Università di Cagliari estende la collaborazione scientifica sulla tutela della biodiversità anche ad Algeria, Giordania, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.