Home / Articoli / Cinema / Venerdì 15 giugno incontro con la regista Silvia Maggi
regista

Venerdì 15 giugno incontro con la regista Silvia Maggi

Venerdì 15 giugno alle 20.45 al Circolo del Cinema Laboratorio28, in via Montesanto 28 a Cagliari, si terrà un incontro con la regista Silvia Maggi

 

Venerdì 15 giugno alle 20.45 al Circolo del Cinema Laboratorio28, in via Montesanto 28 a Cagliari, si terrà un incontro con la regista Silvia Maggi; a seguire verrà proiettato e discusso il documentario “26 de diciembre” di S. Maggi e S. Radicioni (Spagna 2017, 59′). L’iniziativa è inserita all’interno della Queeresima 2018.

26 de diciembre segue il processo di fondazione di una casa di cura autogestita per anziani LGBTQ, ad opera della Fundación 26 de Diciembre a Lavapies, Madrid.  Documentando la vita quotidiana all’ interno della comunità, questo lavoro s’interroga intorno alla cura, la vita in comune e l’attivismo politico in tempi di cambiamento sociale. Quali sono le esperienze, bisogni e sogni, una volta che si passa una certa età, e come si fa a reagire e dare voce a questo paesaggio in cui sono presenti l’isolamento, la discriminazione e la stigmatizzazione? 

La regista

La regista Silvia Maggi e la ricercatrice Silvia Radicioni, dopo il documentario “Welcome home” (Germania 2014, 30′), girato all’interno della  comunità/residenza Lebensort Vielfalt, una delle prima comunità intergenerazionali per anziani LGBT in Europa, proseguono la loro indagine sui rapporti di assistenza e cura in contesti non etero-normati. A partire dalla constatazione delle trasformazioni occorse anche in seno alla “famiglia tradizionale” del mondo eterosessuale, le registe esplorano la necessità di creare uno spazio comunitario dove prendersi cura di sé e delle altre, fuori dalla classica dinamica figli/e-genitori e fuori dalla “cura clinica”, ovvero l’ospizio. In un contesto LGBTQ bisogna pensare che ulteriori difficoltà si presentano poiché, oltre allo stigma della vecchiaia, c’è il fattore dell’omo/transessualilità che va ad aggravare la posizione di potenziale marginalità delle persone rimaste sole.

“Credo che quello che insegnano entrambi i nostri documentari sia a fare i conti con i nostri privilegi e ridare importanza alla “comunità. Questa è la risposta e la medicina alla solitudine di una società capitalista dove se non produci e non hai nessun legame intimo o familiare, non vali più niente.” (Silvia Maggi)
 
L’incontro e la proiezione vanno a chiudere gli appuntamenti previsti a Laboratorio28 per la Queeresima, il percorso politico di riflessione organizzato da Arc Cagliari in collaborazione con associazioni ed enti culturali del territorio, che unisce la Giornata contro l’omo-transfobia, celebrata in tutto il mondo il 17 maggio, al grande e colorato corteo del Sardegna Pride a Cagliari il 7 luglio e che quest’anno, dopo la riflessione delle scorse edizioni dedicata alle domande “Chi siamo”, “Con chi siamo”, “Dove siamo”, ha scelto di indagare il tema della visibilità LGBTQI, chiudendo il cerchio e tornando a parlare del sé: non più ponendosi una domanda completamente introspettiva, rivolta esclusivamente all’identità, ma piuttosto al rapporto fra essa e il mondo circostante, in rapporto ai vari contesti di vita (lavoro, scuola, famiglia, sport, etc.)

About Riccardo Fanni

Riccardo Fanni
Laureato in Giurisprudenza, lettore appassionato, sportivo mancato e viaggiatore compulsivo. "Chi viaggia senza incontrare l'altro, non viaggia, si sposta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.