Home / Articoli / Università e Ricerca / Supera: il Progetto Horizon 2020 per la parità di genere nella ricerca

Supera: il Progetto Horizon 2020 per la parità di genere nella ricerca

Tra i partner di Supera: si tratta di uno dei due progetti sul tema finanziati Ii tutta Europa. Al lavoro un team multidisciplinare dell’Ateneo.

E’ partito ufficialmente con il kick off meeting del 7 e 8 giugno a Madrid SUPERA, il progetto grazie al quale l’Università di Cagliari e altri 7 partner internazionali svilupperanno dei “gender equality plan” per il superamento delle disparità legate al genere nel mondo della ricerca. A Madrid, ospiti della Unidad de Igualdad de Género della Università Complutense, i partecipanti delle istituzioni partner hanno iniziato a lavorare su scadenze e pianificazione delle attività per i prossimi 4 anni di lavoro. Per la Sardegna, oltre all’Università di Cagliari è presente anche una delegazione del Centro regionale di programmazione della Regione Sardegna.

Il progetto, il cui titolo completo è “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” (di qui l’acronimo SUPERA), corona l’attività che l’Università di Cagliari promuove da anni sui temi delle pari opportunità, proiettandola in una dimensione internazionale ancor più ambiziosa e trasversale. Durante i quattro anni del progetto SUPERA, i partecipanti svilupperanno e adotteranno piani personalizzati per il superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca.  L’iniziativa ha consentito a ricercatrici e ricercatori afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di collaborare per la prima volta a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo.

L’iniziativa è stata promossa dal delegato del Rettore in materia di progetti internazionali, Luigi Raffo, con la collaborazione di Simona Scalas, funzionario del settore Assistenza ai progetti europei e Nord America, Ester Cois, docente del Dipartimento di Scienze sociali e delle istituzioni, Cristina Cabras del Dipartimento di Pedagogia, psicologia, filosofia, Ilenia Ruggiu del dipartimento di Giurisprudenza, Silvia Balia e Giovanni Sulis del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali oltre che, per l’essenziale raccordo con le politiche di Ateneo, del Comitato Unico di Garanzia rappresentato dal presidente Francesco Mola e dalla componente Paola Fadda. Il risultato è inoltre frutto della presenza di UniCa alle principali iniziative organizzate a livello europeo negli ultimi anni tema di RRI (“Responsible Research and Innovation”), cioè ricerca e innovazione responsabili. I progetti approvati su questo tema in tutta Europa sono soltanto due. Il budget complessivo è di circa due milioni di euro, dei quali 280mila andranno all’Università di Cagliari e  100mila alla Regione Autonoma della Sardegna.

La scrittura di SUPERA è iniziata nel 2016 con lo sviluppo di una prima versione, apprezzata dalla Commissione, ma non finanziata. Nel 2017 il progetto è stato modificato e ripresentato, stavolta con successo. Il progetto è coordinato dalla Universidad Complutense de Madrid (Spagna) e coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, la Fondation Nationale des Sciences politiques (Francia), la Central Europe University (Ungheria) e il Centro de Estudios sociais (Portogallo), in qualità di “Research performing organizations” (istituzioni di ricerca), la Regione autonoma della Sardegna e il Ministero dell’economia, industria e competitività spagnolo in qualità di “Research funding organizations” (enti che finanziano la ricerca). Il partner tecnico belga “Yellow Window”, infine, fornirà supporto tecnico specialistico.

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.