Home / Articoli / Incontri e workshop / ISOLIDALE: a Gesico il progetto di solidarietà targato Acli

ISOLIDALE: a Gesico il progetto di solidarietà targato Acli

ISOLIDALE: migrazioni e accoglienza in formato europeo
a Gesico il progetto di solidarietà targato Acli

ISOLIDALE: migrazioni e accoglienza in formato europeo a Gesico il progetto di solidarietà targato Acli ,contro la cultura del sospetto per il diverso e della paura per il migrante, le Acli Gesico con il patrocinio del Comune stanno mettendo in essere un progetto che coinvolgerà giovani sardi, greci e bulgari.

L’impegno comune per l’accoglienza come strumento per rafforzare i legami tra i popoli europei. È questa l’idea alla base del progetto Isolidale organizzato dalle Acli di Gesico (in partenariato con l’associazione greca Politistiki Anazitisi Lesvou Amkee e l’associazione bulgara Walk Together Bulgaria) con il patrocinio del comune del centro della Trexenta e con il finanziamento del Programma europeo Erasmus+ (Azione 1).

Il progetto

Da domani, giovedì 14, a mercoledì 20 due gruppi di giovani, sette provenienti dall’isola greca di Lesbo e sette dalla Bulgaria, verranno ospitati da sette giovani sardi. Tutti assieme, i ventuno partecipanti al progetto si confronteranno attraverso attività di dibattito e di discussione sul tema dell’accoglienza dei migranti, cercando di capire quali siano le scelte politiche attuate in ciascun Paese e soprattutto condividendo le loro idee su come il sistema dell’accoglienza dovrebbe essere impostato per funzionare al meglio. Valore aggiunto per i ragazzi sarà il confronto tra il vissuto quotidiano nel campo dell’accoglienza delle due isole del Mediterraneo, Sardegna e Lesbo, da anni al centro della gestione dei flussi migratori provenienti in particolare dal Nord Africa.

Nel corso della settimana di lavoro, i ragazzi visiteranno un centro accoglienza del sud Sardegna per approfondire il funzionamento della struttura e conoscere i suoi ospiti. I ragazzi parteciperanno inoltre a incontri con le Istituzioni locali e con le associazioni che operano nel settore della prima e seconda accoglienza.

“Questo progetto nasce da una riflessione sulla crisi dei migranti – spiega la presidente di Acli Gesico Chiara Murgia –. Il fenomeno migratorio, che di per sé rappresenta un’opportunità di arricchimento, è spesso accompagnato da campagne mediatiche che promuovono la paura e il sospetto. Queste ostacolando l’integrazione sociale degli immigrati nelle nostre comunità, con conseguenze significative in termini di coesione sociale e ordine pubblico. La nostra idea è che invece questo fenomeno possa diventare un fattore importante per la popolazione europea che, attraverso il confronto con il diverso e la collaborazione, può trovare una nuova identità unitaria

About Riccardo Fanni

Riccardo Fanni
Laureato in Giurisprudenza, lettore appassionato, sportivo mancato e viaggiatore compulsivo. "Chi viaggia senza incontrare l'altro, non viaggia, si sposta"

Controlla anche

Mostra fotografica sui centenari di Silanus

Silanus, paese dei centenari raccontato in una mostra fotografica allestita nell’ex casa Aielli Presentazione della mostra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.