Home / Articoli / Arte e mostre / Barumini: il più sorprendente viaggio nel tempo fra ricostruzioni e realtà virtuale
Barumini

Barumini: il più sorprendente viaggio nel tempo fra ricostruzioni e realtà virtuale

Il Comune di Barumini e la Fondazione Barumini Sistema Cultura, in collaborazione la cooperativa Sardiniae Experiance presentano la mostra

Dopo il grande successo delle edizioni di Olbia e Sassari, Nuragica, la grande Mostra Evento itinerante sull’età nuragica, fa tappa a Barumini nel Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale dedicato al Prof. Giovanni Lilliu, l’archeologo che negli anni ’50 scavò e studiò Su Nuraxi, patrimonio dell’umanità dal 1997.

L’iniziativa, è organizzata e curata dalla Cooperativa Sardinia Experience, che ha lanciato per la prima volta in Sardegna una formula davvero innovativa che unisce la fruizione culturale all’intrattenimento. Nuragica grazie al tour guidato, alle ricostruzioni e alla Realtà Virtuale Immersiva regala ai suoi visitatori un’escalation di emozioni nonché informazioni sorprendenti su una delle più importanti civiltà del Mediterraneo occidentale della preistoria.

Nel corso dell’evento, che rimarrà aperto sino al prossimo 31 dicembre 2018 sono previste ulteriori novità nel percorso, conferenze ed eventi. Sin dai primi attimi nei quali ci si avvicina a questo piccolo centro della Marmilla, situato nel cuore della Sardegna, si respira un’aria particolare, quella di un luogo speciale, deputato sin dall’antichità a sede del potere e parte centrale di un territorio florido e ricco di meraviglie nonché via di comunicazione fondamentale.

La più importante fra le testimonianze di questo glorioso passato è senza dubbio l’area archeologica Su Nuraxi. Scoperta e portata alla luce nel corso degli anni ‘50, durante gli scavi condotti dal grande archeologo Giovanni Lilliu, l’area è costituita da un imponente nuraghe complesso, costruito in diverse fasi a partire dal XV secolo a.C., e da un esteso villaggio di capanne sviluppatosi tutto intorno nel corso dei secoli successivi. Un luogo unico nel suo genere e per questo, ormai dal 1997, riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.