Home / Articoli / Cinema / Premio Centottanta, posticipata la data di consegna dei lavori
FRU18 - Festival delle Radio Universitarie
Premio Centottanta

Premio Centottanta, posticipata la data di consegna dei lavori

Per consentire al maggior numero di persone di partecipare al concorso Premio Centottanta è stata posticipata la data di consegna dei lavori al primo maggio del 2018

Centottanta erano i gradini che l’angelo-principe di Persia saliva e discendeva per arrivare al cielo; l’angelo principe di Edom che saliva in alto e sempre più in alto centottanta gradini. Centottanta sono i secondi sufficienti per diventare registi. Vincere mille euro, vedere il proprio film proiettato al cinema Odissea di Cagliari. Il premio Centottanta di Moviementu.

Rete Cinema Sardegna, sposta al 1 maggio 2018 la nuova deadline per la presentazione dei corti al concorso. C’è ancora tempo perciò per iscriversi al concorso.

L’iscrizione è totalmente gratuita e aperta agli esordienti nati, residenti o domiciliati in Sardegna, a tutte le opere senza distinzione di genere, tema, formato e tecnica, inedite e non. Unica condizione per la partecipazione è la durata del cortometraggio, che non deve essere superiore a 180 secondi titoli esclusi.

Per qualsiasi informazione si può contattare l’organizzazione del Premio all’indirizzo e-mail: premio.centottanta@gmail.com.

La Sardegna è una terra di registi – sottolinea il regista Enrico Pau- alcuni affermati, altri da scoprire. In tre minuti si può raccontare qualsiasi storia, in 180 secondi si possono creare mondi”.

Premi

In palio ci sono due premi in denaro da mille euro ciascuno, Premio Moviementu e Premio Cineteca sarda, un workshop offerto dalla stessa Cineteca, una residenza artistica al Teatro Massimo grazie a Sardegna Teatro, la partecipazione alla Summer school di Filmidee al Camping Golfo dell’Asinara.

La giovane attrice Emilia Agnesa, componente della giuria, di cui fanno parte anche Salvatore Mereu, Silvia Perra, Paolo Zucca, Daniela Persico, Antonello Zanda, Massimo Mancini e Giulia Mazzarelli, mette l’accento sull’importanza della formazione, “Passaggio necessario per un percorso professionistico”, sottolinea.

Ma sono i ragazzi e gli studenti quelli che dovrebbero avvicinarsi” spiega Maria Grazia Perria per l’Ufficio giovani di Moviementu. “Faccio perciò un appello alle scuole: invitate i vostri ragazzi a iscriversi al Premio Centottanta. Il concorso è stato pensato soprattutto per loro”.

FRU18 - Festival delle Radio Universitarie

About Luca Pinna

Luca Pinna
Studente di Scienze della Comunicazione, appassionato di calcio e viaggi. Musica, un po' di tutto ma generalmente commerciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *