Home / Articoli / Università e Ricerca / All’Orto Botanico dell’Università nasce l’orto elfico
orto elfico

All’Orto Botanico dell’Università nasce l’orto elfico

All’Orto Botanico dell’Università di Cagliari nasce l’orto elfico, realizzato dai bambini della scuola dell’infanzia “Satta”. I piccoli alunni imparano il ciclo della vita delle piante e un rapporto sostenibile e rispettoso con l’ambiente

È nato ufficialmente all’inizio dell’anno scolastico, e i primi frutti iniziano a vedersi in questi giorni. È uno speciale spazio – ritagliato dentro la splendida cornice dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari – riservato ai bambini della Scuola dell’infanzia Satta (di via Angioy a Cagliari), che in questo modo continua nel progetto “La scuola degli elfi”, che prevede che una parte delle attività didattiche si svolga all’aria aperta.

In una piccola area dell’Orto Botanico gli alunni stanno imparando a prendersi cura delle principali specie orticole normalmente coltivate nelle nostre campagne e che normalmente sono abituati a vedere direttamente sulle loro tavole, a casa e a scuola. L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra la “scuola elfica” e HBK – Hortus Botanicus Karalitanus, il Centro servizi che gestisce l’Orto Botanico dell’Ateneo. Una volta al mese, accompagnati dalle loro insegnanti, i 25 bambini hanno appreso i primi rudimenti della messa a dimora e della coltivazione delle varie specie. L’area è stata appositamente preparata da Marco Atzori, giardiniere dell’Orto, e successivamente piantumata mostrando ai bambini come fare e coinvolgendoli in tutte le fasi.

L’iniziativa che ha coinvolto la classe delle maestre Cicci Della Calce e Simona Buzzi e i loro piccoli alunni si inserisce tra le attività che l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari realizza quotidianamente, come l’ortoterapia condotta in collaborazione con altri istituti scolastici e con l’ANFAAS, come i laboratori sensoriali o le visite a tema. Nel Giardino dei semplici, ad esempio, sono stati allestiti degli appositi percorsi per non vedenti (con cartelli in Braille) e per ipovedenti (con caratteri di dimensioni più grandi rispetto all’ordinario), e nei cinque ettari del polmone verde dell’Università sono disseminate anche le “librerie verdi”, realizzate dai giardinieri dell’Orto Botanico per accogliere libri che i visitatori possono leggere senza alcuna fretta durante la loro permanenza.

About Luca Pinna

Luca Pinna
Studente di Scienze della Comunicazione, appassionato di calcio e viaggi. Musica, un po' di tutto ma generalmente commerciale.

Controlla anche

Quinta tappa della mostra multimediale itinerante di Sensitour

Vernissage della quinta e ultima tappa della mostra multimediale itinerante di Sensitour, la Sardegna raccontata attraverso i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.