Home / Articoli / Università e Ricerca / Intelligenza artificiale: via al progetto “Aloha”
Listen Unica Radio on Spotify
Intelligenza artificiale: via al progetto "Aloha"

Intelligenza artificiale: via al progetto “Aloha”

Ricerca scientifica: il progetto “Aloha” è stato finanziato dall’Unione Europa con 6 milioni di euro del programma Harizon2020. In tal modo i dispositivi elettronici intelligenti, imitando le funzioni biologiche del cervello, imparino dall’esperienza e reagiscano di conseguenza. 

Presto dispositivi elettronici intelligenti saranno in grado di imitare le funzioni biologiche del cervello umano per apprendere dall’esperienza e reagire autonomamente a ciò che accade nell’ambiente. Su questi scenari, ormai non troppo lontani, lavora il progetto Aloha (software framework for runtime-Adaptive and secure deep Learning On Heterogeneous Architectures). Per l’avvio della fase operativa del progetto, parteciperanno 14 partner, tra cui colossi del calibro di STMicroelectronics, IBM e CA Technologies.

Oggetto di studio dei ricercatori è una classe di algoritmi di intelligenza artificiale, chiamata “Deep Learning”, che imita i meccanismi tipici delle reti neurali biologiche. Riutilizzandoli nell’hardware e nel software dei moderni calcolatori, questi acquisiscono capacità di apprendimento paragonabili a quelle dell’essere umano. Il progetto Aloha mira ad abilitare l’uso del Deep Learning, su sistemi di elaborazione specializzati di nuova generazione; si parla di mobili, portatili e a bassissimo consumo di potenza, aprendo la strada verso una nuova vastissima gamma di applicazioni. I risultati del progetto verranno testati in molteplici ambiti.

In un primo esperimento, per esempio, verranno studiati impianti di sicurezza intelligenti, basati sul riconoscimento di video e immagini, da utilizzare in aree di emergenza. Una seconda linea di ricerca prevede lo studio di speciali catene di montaggio “cognitive”, in grado di reagire in modo rapido e affidabile ai comandi vocali degli operatori. Infine, verranno sviluppati dispositivi medici portatili , necessari per esempio negli scenari clinici dei paesi del Terzo mondo o per operazioni di soccorso in caso di calamità o situazioni disastrose.

Il coordinatore scientifico del progetto è Paolo Meloni, ricercatore di EOLAB.

About Lisa Farris

Lisa Farris
21, Assemini, Scienze della Comunicazione. Attualmente tirocinante per Unica Radio. Mi piace viaggiare, conoscere nuova gente e la pizza.

Controlla anche

A Suelli e a Sassari la caravona di LiberaIdee

Doppio appuntamento a Suelli e a Sassari con LiberaIdee: si parla di giovani e giustizia sociale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.