The Heart and the Void in concerto a Cagliari

giovedì 7 dicembre alle 21 nel salone dei ritratti di Palazzo Siotto

Dopo due EP (Like a Dancer e Softer Skin) e oltre 150 concerti in tutta Italia che lo hanno portato a condividere il palco con artisti del calibro di Stu Larsen e Miles Kane, The Heart and the Void, al secolo Enrico Spanu, torna in concerto a Cagliari.

Per la prima volta sarà accompagnato da una band al completo giovedì 7 dicembre alle 21 nel salone dei ritratti di Palazzo Siotto, in via dei Genovesi 114 per la presentazione in anteprima di The Loneliest of Wars, nuovo disco e vero e proprio LP, anticipato questa estate dall’uscita dei singoli An Island Might not be the End, con un videoclip diretto dal regista Daniele De Muro, e Like a Candle, brano con oltre 60mila ascolti sulle piattaforme digitali.

The Heart and the Void è un progetto solista indie-folk. Una musica che vuole ripartire da un approccio minimale, fragile ma al contempo complesso dove voce e chitarra sono gli elementi essenziali delle composizioni accompagnate da liriche che affrontano contrasti e contraddizioni della vita – come il nome stesso vuole suggerire: il cuore/the heart come simbolo delle emozioni, dell'amore, della speranza e il vuoto/the void a rappresentare l'oscurità, la mancanza di punti di riferimento e radici.

Dal vivo si presenta generalmente da solo con un microfono e una chitarra, sulla scia degli innumerevoli cantautori di lingua anglosassone. Per il concerto del 7 dicembre sarà invece accompagnato sul palco da una band al completo: Giuseppe Aledda (chitarra, cori e tastiera), Giulia Biggio (cori), Fabio Demontis (basso, chitarra e tastiera) e Sergio Lasi (batteria).

The Loneliest of Wars, letteralmente la più solitaria delle guerre, uscirà solamente il 19 gennaio: “Sono tutte canzoni nate negli ultimi tre anni e il tema che le accomuna riguarda la mia storia, la mia famiglia e il mio rapporto con la Sardegna. Di solito si suppone che la guerra avvenga tra più entità, mentre qui è interiore, riguarda una singola persona, le sue decisioni, lo sforzo di fare musica e di rimanere a farlo in un determinato luogo”.

L’evento è organizzato dall’associazione Le Officine, in collaborazione con la Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto” e l’Associazione per la Cooperazione Culturale in Sardegna (ACCuS), ed è patrocinato dal MiBACT. 

Nella sezione Podcast
Percorsi gramsciani nel mondo

Articoli

Progetto Musei civici ospitato nella Galleria d'Arte
Si chiude il sipario del XIX Festival internazionale di...
Il concerto pre-natalizio allo storico live club...
Dal 10 al 12 maggio 2018 sarà il capoluogo sardo a ospitare...
Incontri di avviamento al lavoro per i cittadini dei paesi...
Mostra mercato di prodotti agroalimentari e artigianato d...
L'album omonimo sarà presentato con un concerto al...
All'Orto botanico laboratori e visite guidate per le...
Una mattinata di studio tutta al femminile sulla grande...
"Venticinque anni. Fatti, personaggi, interviste....
Il suo Amama è stato giudicato miglior lungometraggio
A Sant'Antioco il festival del corto mediterraneo

Partners

Raduni

Associazione degli operatori radiofonici italiani nata nel 2006

 

È la prima street tv della Sardegna. Un nuovo canale che nasce per raccontare la vita, le produzioni e gli eventi.

Ersu

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari nato nel 1990.
 

Ultimi video

Con Ed Carlsen parliamo di "Elusive Frames", suo secondo disco che presenterà al Palazzo Siotto di...
Insieme a Giacomo Deiana parliamo di "Pochi istanti prima dell'alba", suo primo disco da solista.