Percezioni: il secondo disco di Gianluca Rovelli

Disponibile nelle più importanti piattaforme di distribuzione musicale online (Spotify, Amazon Music, Deezer, iTunes)
Disponibile nelle più importanti piattaforme di distribuzione musicale online (Spotify, Amazon Music, Deezer, iTunes) "Percezioni", il secondo disco del cantautore Gianluca Rovelli, lavoro che arriva a poco più di un anno di distanza dal suo esordio discografico (Gianluca Rovelli, 2016). Si tratta di un concept-album figlio dell'urgenza espressiva del suo autore, un'opera che ne sottolinea l'importante e prolifico periodo artistico vissuto. Le undici composizioni che strutturano il lavoro sono state incise nei Metropolitan Studios di Monserrato (CA) con la produzione artistica di Massimo Satta e il lavoro di registrazione e missaggio di Luca Picciau. Ad affiancare l'artista ligure, da anni trapiantato in Sardegna, una importante rosa di musicisti isolani tra i quali Emanuele ContisDaniele RussoFederico ValentiAlessio Sanna, Alessio Povolo e le cantanti cagliaritane Alice Marras e Azzurra Parisi. Completano la formazione importanti musicisti come Fabrizio FoggiaSalvatore MennellaMassimo Guerra e gli archi a cura del maestro Marcello Sirignano. Le foto e la grafica sono state curate da Valentina Secchi
 
"Percezioni" verrà presentato ufficialmente il prossimo 22 dicembre con un concerto al Bflat Club di Cagliari.
 
Disponibile da oggi sulla piattaforma YouTube e su Facebook il video del primo singolo "Parole per un amico" a cura di Valentina e Michele Secchi.
 
IL DISCO - Percezioni è il secondo disco del cantautore ligure Gianluca Rovelli, artista da anni trapiantato a Cagliari, luogo nel quale, per sua stessa ammissione, ha potuto scoprire e approfondire le proprie radici musicali, riuscendo finalmente a tradurle in musica. L'album è il secondo capitolo di un'evoluzione musicale che, rispetto al primo disco (Gianluca Rovelli, 2016), sottolinea la significativa crescita e maturazione di un autore spinto alla scrittura e composizione da una incontrollabile esigenza espressiva, caratteristica di questo importante periodo della sua vita. "Ho studiato tanto e le persone che mi stavano accanto mi hanno sostenuto e incoraggiato nella scrittura delle mie canzoni", dice Rovelli. Il lavoro affonda le sue radici nel presente dell'artista, discostandosi dall'ambiente onirico che ha caratterizzato le sue prime composizioni, più scure e riflessive, proiettando l'ascoltatore in una dimensione più fresca e leggera, ispirato, come accade in alcune tra le più importanti opere della letteratura, da una donna di rilevante importanza nella vita dell'artista. Le canzoni contenute in "Percezioni" sono il frutto di un'esplosione compositiva, sgorgate di getto dalla penna dell'artista che ne evidenzia una nuova consapevolezza e una maggiore sicurezza nei propri mezzi. Il risultato è un disco felice e armonioso, perfezionato grazie alle importanti collaborazioni con musicisti di primissimo livello come l'orchestra d'archi del Maestro Marcello SirignanoMassimo Satta (chitarre, tastiere e programmazioni), Fabrizio Foggia (pianoforte, tastiere, synth e clavicembalo), Salvatore Mennella (batteria), Massimo Guerra (tromba) e i sardi Emanuele Contis (sax soprano), Federico Valenti (chitarra), Alessio Sanna (organo hammond, piano rhodes), Alessio Povolo (basso, contrabbasso), Daniele Russo (batteria) e le cantanti Alice Marras e Azzurra Parisi
 
"Percezioni è un disco scritto in un periodo molto felice della mia vita. Un momento in cui sono riuscito a tradurre in musica la mia forte ispirazione compositiva. Ho scelto di aprire il disco con Sai anche tu, brano molto semplice di circa 3 minuti, nel quale apro la strada alle altre composizioni. La volontà era quella di cambiare rispetto al vecchio disco, creando il giusto ambiente e per l'occasione ho scelto la chitarra di Federico Valenti, che suona una Gibson SG della mia collezione. Parole per un amico è invece una canzone scritta per Massimo Satta (anche un po' autobiografica), volevo dirgli tante cose e cosa c'è di meglio di una canzone per farlo? Dice lei è scritta per la donna che ha fatto nascere il disco (e anche il titolo). Basta ascoltarla per capire il perchè. La donna del tenente francese è tratta dall'omonimo romanzo di John Robert Fowles, una meravigliosa opera che mi ha dato lo spunto per scrivere sulla maldicenza e la cattiva abitudine di parlar male delle persone. Ho messo in musica le immagini del romanzo che mi avevano colpito maggiormente. Percezioni (title track) è l'unico momento di sofferenza di questo disco, la fotografia l'attitudine a riconoscere nelle persone problematiche una singolarità che le rende più interessanti delle altre. E se facciamo è una canzone scritta in un momento positivo, è l'inizio di una storia d'amore, condita dalle tante riflessioni che ogni volta l'accompagnano. Nei sogni parla di una persona con una vita agitata e confusa,di sogni popolati da molti personaggi famosi, come Daisy Mae, Mike Tyson, Amedeo Modigliani, Harry Potter, Marc Chagall. Il contributo di Alice Marras è stato in questo caso molto importante. Le regole di Paracelso esplica il pensiero e la filosofia del medico e alchimista medievale. Quel che non succede parla di due amanti, di chi vorrebbe di più, e di chi di più non può dare. Pensieri per francesca è il brano a cui si deve la nascita di questo disco: ero in dubbio se dare questo titolo, ma mi piace raccontare la verità, tutto il disco nasce con questa volontà. L'arrangiamento del brano è di Fabrizio Foggia e gli archi sono a cura del maestro Sirignano. Il movimento continuo degli archi descrive la persona meglio delle parole in questo caso. In poche parole chiude il disco, non c'era canzone migliore per farlo, è una riflessione su come vanno le cose nella vita, di come si impara a migliorare anche da esperienze negative. Ringrazio tutti i musicisti che hanno accettato di affiancarmi in questo lavoro, ho scelto ognuno di loro accuratamente. Ringrazio Massimo Satta con cui ormai lavoriamo in simbiosi e l'insostituibile  Luca Picciau." [Gianluca Rovelli]
 
L'ARTISTA - Gianluca Rovelli nasce a Palermo e vive la prima parte della vita per mare, in giro per i porti più importanti del Mediterraneo con il padre, all'epoca impiegato nelle navi. La passione per la musica germoglia in lui fin dalla tenera età, periodo della vita nel quale si innamora della musica di Lou Reed. Proprio l'amore per la figura del cantautore americano lo porta a documentarsi e studiare più a fondo la sua musica, abbracciando scrittori e personaggi che ne ruotano attorno. Inizia a studiare la chitarra come autodidatta all'età di 13 anni, approfondendo lo studio della chitarra classica dai 17 anni con un maestro di Chiavari. Sbarcato in Sardegna, approfondisce lo studio della musica e inizia a suonare cover con formazioni locali (su tutte la band Lettera 22). L'incontro con Massimo Satta e con il cantautore Flavio Secchi risultano decisivi nella sua decisione di impugnare la matita imbracciando una chitarra per iniziare finalmente a liberare il proprio mondo interiore, traducendolo in musica. E' del 2016 il suo primo disco omonimo. Ogni sua canzone è sempre ispirata da fatti reali, autobiografici o accaduti a qualcuno. E' del dicembre 2017 il suo secondo disco da solista, l'album "Percezioni" registrato nei Metropolitan Studios di Monserrato con la produzione artistica di Massimo Satta.

 

Nella sezione Podcast
Percorsi gramsciani nel mondo

Articoli

Progetto Musei civici ospitato nella Galleria d'Arte
Si chiude il sipario del XIX Festival internazionale di...
Il concerto pre-natalizio allo storico live club...
Dal 10 al 12 maggio 2018 sarà il capoluogo sardo a ospitare...
Incontri di avviamento al lavoro per i cittadini dei paesi...
Mostra mercato di prodotti agroalimentari e artigianato d...
L'album omonimo sarà presentato con un concerto al...
All'Orto botanico laboratori e visite guidate per le...
Una mattinata di studio tutta al femminile sulla grande...
"Venticinque anni. Fatti, personaggi, interviste....
Il suo Amama è stato giudicato miglior lungometraggio
A Sant'Antioco il festival del corto mediterraneo

Partners

Raduni

Associazione degli operatori radiofonici italiani nata nel 2006

 

È la prima street tv della Sardegna. Un nuovo canale che nasce per raccontare la vita, le produzioni e gli eventi.

Ersu

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari nato nel 1990.
 

Ultimi video

Con Ed Carlsen parliamo di "Elusive Frames", suo secondo disco che presenterà al Palazzo Siotto di...
Insieme a Giacomo Deiana parliamo di "Pochi istanti prima dell'alba", suo primo disco da solista.