The Little Prince and the Rose arriva in Uganda

Dal 22 al 26 novembre al Kampala International Theatre Festival

Sarà la compagnia sarda Salto del Delfino a rappresentare l'Italia nella prossima edizione del Kampala International Theatre Festival in scena a Kampala (Uganda) dal 22 al 26 novembre. In scena, per l'occasione, andrà lo spettacolo intotolato "The little prince and the rose" (ispirato al romanzo "Le Petit Prince" di Antoine de Saint-Exupéry), opera scritta, diretta e interpretata da Nicola Michele (clown Fiore) con le musiche originali di Alessandro Deliperi. 

La manifestazione, che vedrà tra i partecipanti artisti e compagnie provenienti da Burundi, Repubblica Sudafricana, Uganda, Bulgaria, Cina, Irlanda, Gran Bretagna, Francia, Iran e Stati Uniti d'America, è organizzata da Bayimba Cultural Foundation e da Sundance Institute Theatre Program per contribuire alla crescita e diffusione del settore teatrale nell'Africa orientale. Per raccontare l'importante esperienza artistica la Compagnia Salto del Delfino realizzerà e produrrà, inoltre, un documentario a cura del videomaker Antonio Cauterucci dedicato alla figura del clown.

Il progetto partecipa al bando IdentityLab, sostegno finanziario alle imprese operanti nel settore culturale e creativo per lo sviluppo di progetti di internazionalizzazione nei mercati interessati ai beni, servizi e prodotti culturali e creativi della Regione Autonoma della Sardegna.

LO SPETTACOLO - "The little prince and the rose" è uno spettacolo scritto, diretto e interpretato da Nicola Michele (Clown Fiore), attore formatosi presso la Civica Scuola d'Arte Drammatica di Cagliari e specializzatosi presso la scuola di formazione triennale di teatro e teatroterapia diretta da Walter Orioli a Milano, e presso la Biennale di Venezia con il Maestro Argentino Ricardo Bartis. Le musiche originali (a cura di Alessandro Deliperi) accompagnano l’irrefrenabile desiderio di Fiore, clown sensibile e gioioso, che, dopo essere precipitato con il suo aereo nel deserto del Sahara, racconta la sua storia in rapporto alle avventure del Piccolo Principe, giocando e parlando agli spettatori attraverso la forza dell’amore. Nello sviluppo dell'opera si alternano diversi personaggi che vivono in un loro mondo ma che curiosamente hanno a che fare con l’universo di tutti gli esseri umano. Già ricordato da Giovanni Pascoli, il “fanciullino” che è in ciascuno di noi ha solo voglia di essere ascoltato e di curiosare tra le bellezze del mondo: la relazione interpersonale diviene così un arricchimento attraverso lo scambio delle diversità di ognuno. La scrittura, sviluppata in lingua italiana e tradotta per l'occasione in lingua inglese, corredata dal linguaggio gestuale e dalle tecniche tipiche della clownerie, contribuisce allo sviluppo di un testo accessibile e formativo, grazie alle atmosfere evocate dalle musiche originali composte per l'occasione. Temi come l’amicizia e il rispetto reciproco vengono amplificati e trasmessi attraverso una chiave di lettura adatta alla dimensione infantile: “L’essenziale è invisibile agli occhi”. 

IL FESTIVAL - La Fondazione Culturale Bayimba e il Sundance Institute Theater Program hanno deciso di unire le forze nel corso del 2013 per contribuire alla crescuta e valorizzazione diel settore teatrale nella regione dell'Africa orientale. E' stata comune la decisione di cooperare per la creazione di una realtà che agevolasse lo sviluppo delle professionalità in tale ambito, collegando la comunità teatrale dell'est Africa e ampliando l'accesso al teatro per sviluppare un nuovo pubblico. Tutto ciò è stato possibile sostenendo e facilitando la creazione , promozione e presentazione delle più interessanti produzioni teatrali internazionali. Con questo spirito il Kampala International Theatre Festival è stato lanciato nel novembre 2014. La prima edizione è arrivata dopo un periodo di quasi 13 anni di investimenti da parte del Sundance Institute di artisti di sei paesi dell'Africa orientale (Burundi, Etiopia, Kenya, Ruanda, Tanzania e Uganda) con l'obiettivo di contribuire un dialogo significativo e coinvolgente tra gli artisti e il loro pubblico. Le edizioni successive hanno registrato una progressiva crescita della manifestazione, che nell'arco di breve tempo è diventata un importante appuntamento annuale per la comunità teatrale, mirando a diventare uno dei festival più interessanti dell'intera Africa.
 
LA COMPAGNIA - La cooperativa sociale “Salto del Delfino” si propone di valorizzare e convogliare le innumerevoli risorse culturali presenti nel territorio del Parteolla nel quale opera da oltre dieci anni. Fondata nel 2002, la compagnia svolge la propria attività di produzione e distribuzione di spettacoli teatrali e conduzione di percorsi di educazione al teatro e laboratori espressivi nell'ambito del teatro sociale e della teatroterapia. Da anni rivolge le sue energie al teatro per l'infanzia e al teatro contemporaneo presentando i propri spettacoli presso le scuole di vario ordine e grado, nei comuni, biblioteche, centri di aggregazione sociale e vari enti pubblici e privati. La direzione artistica si snoda in un percorso di ricerca espressivo che contempla i vari linguaggi performativi: dal teatro alla danza, alla clownerie, con la commistione di impianti visuali e sonorità e che richiamano caratteri antropologici e elementi naturali. Alla base dei propri lavori vi sono molto spesso le scritture originali e una continua sperimentazione sul gesto e sul movimento. La direzione artistica è affidata a Nicola Michele, formatosi presso la Civica Scuola d'Arte Drammatica di Cagliari e specializzatosi presso la Scuola di Formazione Triennale di Teatro e Teatroterapia diretta da Walter Orioli a Milano, e presso la Biennale di Venezia con il Maestro argentino Ricardo Bartis. Forte dell’esperienza maturata sul territorio, la Compagnia vuole coinvolgere le risorse umane e paesaggistiche all’insegna di una maggiore visibilità e attrattività turistica. Salto del Delfino nel 2011 debutta al Fringe Festival di Edimburgo con lo spettacolo "Masses Man", coproduzione con Theandric Teatro Nonviolento. Nel 2014 è ospite al Festival OFF di Avignone con lo spettacolo di Fiore "Le prince et la rose", che viene successivamente proposto in Corsica nel 2016 a cura dell'Ufficio Municipale del Turismo di Bonifacio.

 

Articoli

Progetto Musei civici ospitato nella Galleria d'Arte
Si chiude il sipario del XIX Festival internazionale di...
Il concerto pre-natalizio allo storico live club...
Dal 10 al 12 maggio 2018 sarà il capoluogo sardo a ospitare...
Incontri di avviamento al lavoro per i cittadini dei paesi...
Mostra mercato di prodotti agroalimentari e artigianato d...
L'album omonimo sarà presentato con un concerto al...
All'Orto botanico laboratori e visite guidate per le...
Una mattinata di studio tutta al femminile sulla grande...
"Venticinque anni. Fatti, personaggi, interviste....
Il suo Amama è stato giudicato miglior lungometraggio
A Sant'Antioco il festival del corto mediterraneo

Partners

Portale che raccoglie in modo ordinato per nazione e regione tutte le radio in FM e web mondiali

È la prima street tv della Sardegna. Un nuovo canale che nasce per raccontare la vita, le produzioni e gli eventi.

TuneIn

Un nuovo modo di ascoltare la musica, lo sport e le notizie da ogni angolo del mondo.

Ultimi video

Con Ed Carlsen parliamo di "Elusive Frames", suo secondo disco che presenterà al Palazzo Siotto di...
Insieme a Giacomo Deiana parliamo di "Pochi istanti prima dell'alba", suo primo disco da solista.