A Palazzo Siotto una serata in musica all'insegna di Rossini

Domenica 18 giugno in concerto tre musicisti sardi sulle note del celebre operista
 
Ma ognun nel mondo ha un ramo di pazzia è il nome scelto da tre giovani e talentuosi musicisti sardi per il concerto che andrà in scena domenica 18 giugno alle 20.30 nella Sala dei Ritratti di Palazzo Siotto, in via dei Genovesi 114 a Cagliari. Il basso Alessandro a Abis e il soprano Claudia Urru, accompagnati al pianoforte dal maestro Giancarlo Salaris, eseguiranno celeberrime arie d'opera dal repertorio del compositore Gioacchino Rossini (Pesaro, 29 febbraio 1792 – Passy, 13 novembre 1868). L'evento è organizzato dalla Fondazione di ricerca "Giuseppe Siotto" nell'ambito delle attività per il suo ventennale (1997-2017). Il biglietto di ingresso è di 8 euro.
 
Giancarlo Salaris, nato a Oristano nel 1975, intraprende lo studio del pianoforte all’età di 13 anni. Nel 2005 ha conseguito la qualifica professionale di Maestro Collaboratore presso l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino. Ha collaborato intensamente con docenti di chiara fama come Bernadette Manca di Nissa, Giusy Devinu, Elisabetta Scano, Gianluca Belfiori Doro. Nel 2016 ha collaborato col Teatro Lirico di Cagliari come maestro al cembalo nella produzione de “La Pietra del Paragone” di Rossini.
 
Claudia Urru è studentessa di canto, allieva del soprano Elisabetta Scano, presso il conservatorio statale G. P. da Palestrina di Cagliari. All’età di 22 anni, nell’agosto 2015, ha debuttato il ruolo di Carolina, nell’opera “Il matrimonio segreto” di Cimarosa, come suo primo ruolo solista. Nello stesso mese ha vinto una borsa di studio per poter prendere parte a una settimana di lezioni con Luciana Serra, grazie all’ Accademia internazionale di Musica di Cagliari. Nell’aprile 2016 ha debuttato il ruolo di Despina nel “Così fan tutte” di Mozart e sempre nello stesso anno, il ruolo di Cenerentola, nell’opera omonima in un atto unico scritta da Cristian Carrara su commissione della Fondazione Petruzzelli.
 
Alessandro Abis, nato a Cagliari nel 1992, studia canto sotto la guida del baritono Angelo Romero e del soprano Elisabetta Scano. Dopo il debutto cagliaritano nel ruolo di Angelotti in Tosca (2014) sotto la bacchetta del M° Gianluigi Gelmetti, si specializza nel repertorio rossiniano frequentando due Accademie Rossiniane col M° Alberto Zedda a Pesaro e a Lunenburg (Nova Scotia, Canada). Tra i ruoli rossiniani ha debuttato: Don Basilio de’ Il Barbiere di Siviglia al Teatro Zandonai di Rovereto, Lord Sidney de’ Il Viaggio a Reims al Teatro Rossini di Pesaro, Blansac de’ La Scala di seta e il Basso solista de’ La Petite Messe Solennelle alla Lunenburg Academy, Conte Asdrubale ne’ La Pietra del Paragone al Teatro Lirico di Cagliari, Fernando Villabella ne’ La Gazza ladra al Teatro Petruzzelli di Bari e recentemente ha debuttato Don Profondo de Il Viaggio a Reims al Teatro Filarmonico di Verona per la Fondazione Arena.
Percorsi gramsciani nel mondo
Nella sezione Podcast

Articoli

Le problematiche dell’area mediterranea a Cagliari
Sabato 13 gennaio in scena l'opera rock dei VADE
Il 31 dicembre evento speciale con spettacoli, musica, e...
Torna come da tradizione il party natalizio in rock...
Sabato 23 dicembre alle 21:30 nella cattedrale Santa Maria...
Il 25 dicembre a partire dalle 19 al Teatro Centrale
Lo spettacolo di Natale dal 25 al 30 dicembre al Teatro...
A Quartu Sant'Elena nel cuore della città: musica,...
Venerdì 22 dicembre alle 22 in via del Pozzetto a Cagliari
la coltivazione e i vari tipi di melone nell'Europa...
Giovedì 21 dicembre tappa con La partenza di Giuseppe e...
Una giornata all'insegna di racconti velenosi come...

Partners

Ersu

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari nato nel 1990.
 

Portale dedicato ai Professionisti della Radio

Portale che raccoglie in modo ordinato per nazione e regione tutte le radio in FM e web mondiali

Ultimi video

Con Ed Carlsen parliamo di "Elusive Frames", suo secondo disco che presenterà al Palazzo Siotto di...
Insieme a Giacomo Deiana parliamo di "Pochi istanti prima dell'alba", suo primo disco da solista.