Carnevale a Mamoiada con le iniziative di Méskes

Il programma degli eventi dal 25 al 28 febbraio

A Mamoiada domenica 26 e martedì 28 febbraio si entra nel vivo del Carnevale, con la sfilata rituale delle maschere tradizionali dei Mamuthones e Issohadores: la società di servizi turistici Méskes propone una serie di eventi e attività per offrire ai visitatori un'esperienza completa, a stretto contatto con le tradizioni del paese, tra le maschere, il divertimento del ballo in piazza, gli antichi saperi degli artigiani e l'inconfondibile gusto dei prodotti enogastronomici del territorio. Le giornate dedicate al Carnevale saranno anticipate, nel pomeriggio di sabato 25, dalla presentazione della nuova linea di t-shirt Méskamente, ideata e prodotta da Méskes, che inaugura la sua prima serie dedicata a Juvanne Martis Sero, uno dei personaggi chiave dell'autentico carnevale mamoiadino, sebbene meno famoso: Horo Juvanne! è il titolo dell'appuntamento, che si terrà alle 18 presso la Cantina Vike Vike a Mamoiada (Corso Vittorio Emanuele, 59).

Si entra nel vivo domenica 26 e martedì 28 febbraio, giornate culminanti del Carnevale mamoiadino, in cui Méskes propone una serie di attività e visite guidate per vivere da vicino l'emozione e il mistero del Carnevale tradizionale, senza dimenticare il buon vino, leit motiv di tutte le feste del paese. Per entrambe le giornate (domenica e martedì), si inizia alle 10.00, con l'incontro con i partecipanti, e una serie di visite guidate, a cominciare dalla collezione privata di maschere Mameli (con opere provenienti da tutto il mondo), e poi, a scelta, si potrà visitare la bottega del Mascheraio Ruggero Mameli, che permetterà di scoprire da vicino come nascono le maschere tradizionali realizzate a mano, oppure, in alternativa, la sede di Mamuthones e Issohadores (Atzeni-Beccoi). Per poter assaporare pienamente la festa, non possono mancare i balli in piazza: ecco perchè con Méskes sarà possibile imparare i rudimenti di ballo sardo con una speciale lezione, e concludere la mattinata rifocillandosi con un gustoso aperitivo in una cantina locale con prodotti a chilometro zero, accompagnati dall'immancabile vino Cannonau. Il pomeriggio sarà lasciato libero per poter assistere alla sfilata delle maschere e partecipare ai balli in piazza.

La quota di partecipazione a tutte le attività (comprensiva di visite guidate,alla collezione di maschere, al laboratorio oppure alla sede dei mamuthones, con la lezione di ballo sardo e l'aperitivo) è di 27 euro a persona adulta, mentre i bambini dai 6 ai 10 anni pagheranno13 euro. Qualora non si volesse fruire dell'intera offerta, è anche possibile concordare un prezzo per le singole attività. Inoltre, per il periodo di Carnevale (ad esclusione del 26 e 28 febbraio) è disponibile su prenotazione anche una golosa Cooking Class sui dolci di Carnevale, oltre alle attività già descritte sopra, che si possono effettuare, su prenotazione, anche nei giorni precedenti (meggiori informazioni sul sito www.meskesturismo.com  nella sezione Speciale carnevale).

Articoli

Il duo Newyorkese in concerto a Macomer
Cinque giorni per tenere in vita le tradizioni, la cultura...
L’ottava edizione della manifestazione è dedicata alla...
L'impatto locale delle politiche europee per la...
L'antropologo Jeff Halper a Cagliari
Sabato 21 e domenica 22 ottobre al Ts'E / Teatro Sant...
Sabato 21 ottobre alle 20.30 nella chiesa di Santa Maria...
da venerdì 20 a domenica 22 ottobre
Sardegna Ricerche pubblica il bando: aperte le domande
Coldiretti elegge le vincitrici delle categorie Scienza,...
Il cantautore americano in concerto sul palco del Fabrik...
Dal 21 ottobre al 31 dicembre 2017 al Teatro Massimo di...

Partners

Portale dedicato ai Professionisti della Radio

Ustation


E' il primo social media in Italia che aggrega i contenuti prodotti dai media universitari.
 

Ersu

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari nato nel 1990.
 

Ultimi video

1° Convegno, workshop. Le dottoresse Gisella Congia e Alessandra Bramante ci parlano del 1° Convegno di...
Con Francesco Accardo parliamo di ACòa, rassegna di musica d'autore