Antas Teatro racconta i territori

Spettacoli e incontri a San Sperate dal 9 al 12 febbraio

Entra nel vivo questa settimana, da giovedì 9 a domenica 12 febbraio, il progetto di residenza artistica Di muro in muro, promosso a San Sperate da Antas Teatro: quattro giorni di spettacoli e incontri pubblici nati dal confronto e dalla contaminazione tra realtà e linguaggi diversi. In scena i primi corti teatrali ispirati ai murales del Paese Museo. Protagonisti di questa fase della residenza saranno la compagnia ospitante - con i registi e gli attori di Antas, e i colleghi di Teatro Atlante di Palermo. Giovedì 9 febbraio  si terrà un incontro pubblico dal titolo Teatro arte e comunità. Due realtà (Antas e Atlante) si interrogano sul fare cultura per e con le comunità in cui operano: una in una grande città come Palermo, l'altra in un piccolo centro della Sardegna storicamente votato all'arte, San Sperate. Distanti per chilometri ma vicine per intenti, le due compagnie teatrali si raccontano per provare a capire insieme al pubblico nuovi percorsi possibili. Venerdì 10 febbraio verrà portato in scena il primo di una serie di corti teatrali ispirati ai murales di San Sperate, La fine di un mondo: una riflessione sull’assenza e sulla perdita, sul dolore e sulla preghiera; sul suo ruolo come balsamo alla scomparsa, come sistema di sopravvivenza agli inevitabili dolori dell’esistere. Soprattutto, sul suo ruolo in un mondo laico, per quella gran parte di mondo che non si riconosce in un sistema religioso predefinito. Un uomo e una donna, in un campo, vestiti da contadini, fermi, uno di fronte all’altro, assorti in preghiera. Siamo dentro un’immagine pittorica del muralista speratino Angioletto Pilloni, e allo stesso tempo siamo dentro una tradizione artistica che parte da lontano e arriva sino a Salvador Dalì, nella trasformazione di un mondo, quello contadino, che giunge sino a oggi profondamente cambiato. Sabato 11 febbraio troveremo sul palco Variazioni sul tema: performance per tre clown, con una danzatrice e live electronics. Ambientazioni solari e cupe. La vita, azioni che ridisegnano un nuovo scenario in un cortocircuito tra dramma e poesia, tra dolore e allegria. Domenica 12 febbraio, invece, Teatro Atlante porta in scena Psicosi - Diario di un’anima, un lavoro in cui la forza graffiante e dissacrante della parola incontra l’effimero silenzio della danza, dando voce e corpo alla sofferenza di un’anima in cerca di se stessa. Il 20 febbraio 1999 la drammaturga inglese Sarah Kane perde la sua battaglia contro la depressione e muore suicida a soli 28 anni. Questo spettacolo, che vede in scena un’attrice e una danzatrice, tenta di indagare le complesse sfumature dell’animo femminile: il rapporto con la propria immagine, la non accettazione del corpo, la solitudine e la paura del confronto con l’altro. Ma è anche un atto di denuncia contro i limiti della psichiatria e l’accanimento terapeutico, “non c’è nessun farmaco sulla terra che possa dare un senso alla vita”.Tutti gli spettacoli saranno in scena presso lo Spazio Antas in via Arbarei 10, San Sperate, ore 19,30.

 

 

Articoli

Introspezione sul confine tra finzione e realtà, tra...
Domenica 26 febbraio continua la rassegna sull'...
Giochi, maschere e circo, domenica 26 febbraio a Pirri
Al via il format dedicato alla "settima arte"....
Giovedì 23 febbraio alle 19.30
Mezzo Toro e Cuore di tenebra al teatro Massimo, a Cagliari...
Alessandro Alosi, voce e chitarra del duo, presenta l'...
Rachid Bouchabla, batterista della band, si racconta a L...
In scena al teatro Massimo dal 23 al 26 febbraio lo...
Dibattito sull'editoria in libreria, appuntamento...
Lo spettacolo è una riflessione sulla sessualità, un...
Il programma degli eventi dal 25 al 28 febbraio

Partners

Internet Radio

Il più grande aggregatore mondiale di webradio su internet

 

Portale che raccoglie in modo ordinato per nazione e regione tutte le radio in FM e web mondiali

Unica

Università degli Studi di Cagliari. Fondata nel 1620, conta oggi 6 Facoltà e oltre 32mila iscritti.

Ultimi video

Il pianista sardo ci racconta i suoi progetti.
Il musicista ci racconta la sua esperienza nella capitale belga